image001

Durc Interno Inps: Precisazioni sulla notifica e istanze di dilazione

L’Inps, con Messaggio n. 2889 del 27 febbraio 2014, ha introdotto il processo di gestione del DURC interno, il cui debutto è stato successivamente prorogato con il Messaggio 5828 del 04/07/2014 a Settembre 2014.

Alcune utili precisazioni operative arrivano dal Messaggio 5192 del 06/06/2014 :

In prima istanza il testo del Messaggio intende precisare “quando” il processo di notifica del preavviso di irregolarità può considerarsi “positivamente concluso”. Questo avviene “soltanto all’atto della ricezione della ricevuta che attesta l’effettiva consegna al destinatario”. Questo implica, fortunatamente per le Aziende, che un preavviso di irregolarità non consultato (recapitato via Pec) non avrà effetti ai fini del decorso dei 15 giorni disponibili per sanare la posizione d’irregolarità rilevata . Tale ipotesi è valida sia in caso di invio presso un intermediario sia in caso di invio diretto all’azienda.

Infine, il messaggio in commento, spiega che in questi casi sarà cura dell’Inps emettere una nuova comunicazione, sostitutiva della precedente. Naturalmente i 15 giorni utili alla regolarizzazione decorreranno dalla data di notifica della nuova comunicazione, regolarmente recapitata come attestato dalla notifica di consegna.

Altro aspetto considerato dal Messaggio in commento è la presentazione di un istanza di dilazione di crediti in fase amministrativa o presso gli Agenti della Riscossione durante il periodo dei 15 giorni iniziato con la notifica di un preavviso di irregolarità. In entrambi i casi infatti è previsto che la posizione aziendale sia “ congelata” in attesa di definizione dell’istanza di rateazione. In caso di accoglimento dell’istanza il semaforo diventerà nuovamente “ verde ” in caso contrario, scatterà il semaforo rosso e il diniego di usare sgravi per i periodi interessati ( con conseguente addebito al datore di lavoro).

Si ricorda che le fasi essenziali per l’accoglimento delle istanze di dilazione sono :

  • Il versamento delle quote contributive trattenute ai lavoratori dipendenti.
  • Il versamento di un importo di un importo pari ad 1/12 dell’importo debitorio di cui si chiede la rateazione.

Questi i moduli da presentare all’INPS per ottenere la dilazione in fase amministrativa

  • Dilazione crediti in fase amministrativa e relativo allegato.

image001

In caso di crediti affidati agli Agenti della Riscossione l’istanza di rateazione andrà presentata obbligatoriamente a questi ultimi.